Pizza di scarola

La pizza di scarola è un tipico rustico della cucina napoletana , immancabile sulle tavole nel periodo natalizio , ma ottima in qualsiasi periodo dell’anno . La scarola leggermente amarognola con il sapore particolare delle olive , dei capperi e delle acciughe in un impasto di pizza soffice e fragrante rendono un piatto unico , un antipasto o un finger food eccezionale !!!

Ingredienti : 

  • Per l’impasto :
  • 500 g di farina
  • 15 g di sale
  • 250 ml di acqua
  • 12 g di lievito di birra
  • 5 g di zucchero
  • 40 ml di olio evo
  • Per il ripieno :
  • 1 kg di scarola
  • uno spicchio di cipolla
  • 20 g di capperi
  • 40 g di olive nere
  • 20 filetti di acciughe
  • sale e olio qb

Preparazione :

Sulla spianatoia ( o in una ciotola ) versare la farina con il sale e formare una fontana con il buco al centro . A parte sciogliere il lievito nell’acqua ed unire lo zucchero , versare quindi nell’incavo della farina , aggiungere l’olio ed impastare il tutto energeticamente per 10 minuti .  Per facilitarvi il lavoro usate un’impastatrice o il Bimby. Lasciar lievitare l’impasto coperto da uno strofinaccio umido e lontano da correnti d’aria per un’ora , anche nel Bimby stesso .

Pulire la scarola eliminando le foglie ingiallite o rovinate , staccare tutte le foglie , lavarle bene e lessarle in acqua bollente per pochi minuti . Scolare la verdura , e tagliarla a pezzi grossolani . In una padella ampia con un po’ d’olio evo rosolare la cipolla tritata , unire la scarola , i capperi dissalati , le olive nere denocciolate e tagliate a fettine e le acciughe , mescolare e far stufare con il coperchio per 10 minuti . Se occorre aggiustare di sale .

Stendere metà impasto in una teglia unta d’olio creando i bordi alti , mettere la scarola in maniera uniforme , coprire con il restante impasto e far lievitare ancora per 45 minuti .  Bucherellare la superficie con i rebbi di una forchetta , spennellare con olio e cuocere a 200° c per 25 – 30 minuti o fino a quando risulterà ben dorata .

 

Share Button
Precedente Cavatelli alla contadina Successivo Chiacchiere colorate